Marketing dei contenuti

14 Metriche di marketing dei contenuti per misurare le prestazioni dei contenuti

14 Metriche di marketing dei contenuti per misurare le prestazioni dei contenuti

In una strategia di content marketing, devi tenere traccia di alcune metriche per misurare l’efficacia dei tuoi sforzi. Dopotutto, il monitoraggio costante è la chiave per la distribuzione di successo di contenuti di alta qualità.

Alcune regole importanti sono SEO, standard di copywriting e comprensione di ciò che il pubblico si aspetta. Quando sono soddisfatte, è possibile ottenere buoni risultati.

In questo ciclo di vita, dalla pianificazione alla distribuzione dei contenuti, il monitoraggio della campagna è essenziale . I risultati mostrati attestano il successo delle procedure e consentono sporadiche modifiche.

Per effettuare una misurazione qualificata, è necessario conoscere le metriche più importanti. Alcuni di essi traducono l’effetto delle strategie e devono essere monitorati frequentemente.

Per questo post, abbiamo selezionato 14 delle metriche di marketing dei contenuti più importanti da monitorare nel 2022. Continua a leggere e scopri di più su tutte queste metriche!

1. Visualizzazioni di pagina uniche

Nella strategia dei contenuti, è essenziale sapere quante visite sta ricevendo una pagina. Questa metrica aiuta a comprendere il livello di traffico e l’interesse per i contenuti.

Le visualizzazioni di pagina uniche determinano quante volte ogni utente visualizza la pagina . È un numero esatto che elimina la ridondanza, il che aiuta a rendere la misurazione più accurata.

Dopotutto, lo stesso utente può visualizzare la pagina più volte durante una visita. In generale, questo numero non traduce il numero di volte che qualcuno ha visitato la pagina.

I numeri di visualizzazione di pagina univoci si ottengono confrontando le visualizzazioni di una persona sulla stessa pagina e nella stessa sessione.

Pertanto, indipendentemente dal fatto che l’utente aggiorni la pagina più volte, puoi essere certo che si tratta di un accesso singolo.

2. Tempo medio a pagina

Il tempo che trascorri sulla pagina è uno dei criteri per il posizionamento in Google. Pertanto, è necessario misurare il tempo medio sulla pagina.

Questa metrica è necessaria per capire se i tuoi contenuti stanno generando un reale interesse . Maggiore è il tempo medio sulla pagina, maggiore è l’accettazione e il coinvolgimento.

Potrebbe essere utile esaminare quali pagine hanno prestazioni inferiori a questa metrica. I motivi possono includere contenuti poco attraenti, design dell’esperienza utente scadente e caricamento lento della pagina.

Devi confrontare le pagine per capire il motivo dei risultati bassi. Quindi, controlla cosa portano le pagine di successo rispetto alle pagine con scarso rendimento.

Alcuni dei motivi per il tempo medio basso sulla pagina sono:

  • scarsa chiarezza
  • mancanza di scansionabilità
  • I testi sono troppo lunghi
  • Esperienza utente negativa
  • contenuto scadente
  • Argomenti che non ti interessano.

3. Pagine / Sessioni

Gli utenti possono agire in due modi quando vanno sul tuo blog per consumare contenuti: possono raggiungere la pagina di interesse e abbandonarla, oppure possono entrare e sfogliare altri contenuti.

Le metriche di pagine/sessione si riferiscono al numero di pagine che un utente ha visitato ogni volta che si trovava sul tuo sito web .

Maggiore è questo numero, maggiore è l’interesse che il sito genera per ciascun visitatore. Al contrario, numeri bassi possono mostrare che il sito Web in generale non ha molti contenuti condivisibili.

Le pagine/sessioni sono una delle metriche di marketing dei contenuti più importanti perché aiutano a misurare la qualità della strategia complessiva.

Se è presente un numero elevato di pagine/sessioni, questo è un segno che tutti i contenuti pubblicati possono essere di interesse.

4. Mi piace e condivisioni

Il coinvolgimento è fondamentale per le strategie di contenuto, quindi è sempre importante misurarlo. I Mi piace e le condivisioni sono una metrica fondamentale per questa categoria.

I numeri sono misurati in base al volume totale di Mi piace e condivisioni sui post sui canali dei social media . Più alti sono questi numeri, maggiore è la possibilità di partecipazione.

Un buon coinvolgimento sui social media ti consente di raggiungere più persone perché i Mi piace e le condivisioni rendono i post più visibili a un pubblico più ampio.

Oltre alla copertura, questa metrica misura anche l’interesse degli utenti per i contenuti. Dopotutto, i Mi piace e le condivisioni sono azioni volte a promuovere qualcosa di pubblicato e mostrargli apprezzamento.

5. Feedback

Un’altra importante misura del coinvolgimento, i commenti misurano il numero totale di questo tipo di coinvolgimento nei post . Potrebbero essere sui social media o un blog.

La sospensione è un’interazione importante perché richiede un certo sforzo. Nel complesso, l’utente che ha commentato ha apprezzato il contenuto e l’ha trovato utile.

È sempre importante tenere traccia del numero di commenti, condivisioni e Mi piace. Tuttavia, tieni a mente un punto: prenditi il ​​tempo per analizzare ciò che viene discusso.

La condivisione è utile solo se l’interazione è positiva. I commenti critici o insoddisfatti dovrebbero essere un campanello d’allarme per il team di marketing.

6. Sorgenti di movimento

Gli utenti possono accedere al tuo sito web attraverso varie fonti. Quando sai quali persone generano più traffico, puoi investire di più in loro e migliorare i tuoi risultati.

Ecco perché questa è anche una delle metriche di marketing dei contenuti più importanti.

I contenuti dovrebbero essere diffusi attraverso diversi canali come i social media e l’email marketing e collocati in un luogo in cui possano essere trovati in una ricerca organica su Google. Naturalmente, alcuni saranno più attraenti di altri, generando traffico diverso.

Le metriche di cui stiamo parlando aiuteranno a determinare quali canali forniscono i migliori risultati quando si aumenta il traffico. In questo modo puoi concentrare i tuoi sforzi e i tuoi investimenti su coloro che hanno il maggior potenziale.

7. Traffico organico

Il traffico organico mostra il numero di utenti che accedono ai tuoi contenuti attraverso i motori di ricerca . Naturalmente, la maggior parte di loro avrà Google come fonte.

Per qualsiasi strategia, investire nel traffico organico è fondamentale per la sua elevata accessibilità ed è gratuito. Pertanto, grandi risultati possono essere raggiunti attraverso un’attenta ottimizzazione.

Per questo, padroneggiare la SEO è essenziale. Si tratta di produrre contenuti di alta qualità, scritti con le tattiche più appropriate, per indirizzare traffico da Google.

8. Percentuale di clic (CTR)

CTR è la metrica che indica la frequenza con cui viene cliccato un collegamento rispetto alle visualizzazioni che ottiene . Essendo una delle metriche chiave del marketing dei contenuti, questi numeri sono essenziali nel traffico organico.

Una buona percentuale di clic (CTR) può indicare che un contenuto è di interesse per l’utente quando viene visualizzato su una pagina dei risultati di un motore di ricerca (SERP).

Questa partecipazione può essere rafforzata da diversi fattori, quali:

  • Titolo accattivante.
  • Un titolo che utilizza parole chiave forti;
  • usa la meta descrizione;
  • Usa estratti.

Puoi accedere a questa metrica nella dashboard di Google Search Console. Visualizza la percentuale di clic per pagina, indicando dati come impressioni e clic.

9. Conteggio fili

Il contenuto può generare lead; Questo fa parte della strategia e una delle intenzioni principali. Pertanto, è necessario misurare la dimensione dei cavi .

Il numero di lead indica il numero di utenti che hanno condiviso i dati quando il contenuto è stato consumato. È possibile acquisire potenziali clienti da:

  • chiamare all’azione
  • pagine di destinazione
  • Moduli di contatto
  • Iscriviti alle newsletter.
  • Abbonamenti alla posta
  • richieste di budget.

Un gran numero di potenziali clienti indica che la strategia ha un alto grado di partecipazione.

Contenuti di alta qualità possono portare alla condivisione di questi dati, indipendentemente dal fatto che il consumatore intenda convertirsi in un secondo momento.

Il numero di contatti dovrebbe essere visto solo come un indicatore di interesse e vendite potenziali. Le conversioni dipenderanno dal continuare a fornire buoni contenuti più avanti nella canalizzazione di marketing.


10. Frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo si riferisce al numero di utenti che lasciano una pagina senza visitare nessun’altra pagina del sito . Questa metrica è necessaria per misurare la qualità di ciò che viene presentato nei blog.

Tassi più alti possono, ovviamente, significare una strategia che rimane poco convincente. D’altra parte, questo non significa che il contenuto sia pessimo, ma potrebbe non essere attraente.

Allo stesso tempo, frequenze di rimbalzo elevate possono essere normali se la pagina è nuova. Ad esempio, quando pubblichi un nuovo post, l’utente abituale accederà, leggerà e uscirà dall’altro contenuto, semplicemente perché ha già letto il resto del contenuto.

Dietro ogni scala è fondamentale avere un punto di vista analitico e interpretativo. Con la frequenza di rimbalzo non è diverso.

11. Tasso di conversione

Un’altra metrica essenziale per il marketing dei contenuti, le metriche del tasso di conversione sono la percentuale di utenti che accedono ai contenuti e intraprendono un’azione .

Indipendentemente da ciò che viene proposto nel business, la conversione è l’obiettivo principale della strategia. Esistono diversi tipi di bonifici, i più importanti dei quali sono:

  • Lascia un commento sul post;
  • Sottoscrizione alla Newsletter.
  • Iscriviti al modulo
  • Scarica il contenuto.

La procedura dipende dal tipo di contenuto e soprattutto dalla fase del funnel. In alto, i commenti possono distrarre, mentre in basso è più comune chiedere informazioni di contatto.

Per calcolare il tasso di conversione, dividi il numero di conversioni per il numero di visitatori.

12. Tieni traccia della crescita e degli abbonati

Quante volte hai sentito che i tassi di coinvolgimento sono più importanti dei follower?

Questo può essere vero, ma è necessario bilanciare le cose. Più follower, maggiori saranno le aspettative post-consegna .

Tuttavia, può essere interessante osservare la crescita dei follower nel tempo. I tuoi contenuti raggiungono il maggior numero di persone possibile? Sei in grado di renderlo fresco e pertinente in modo che possa essere condiviso abbastanza da attirare nuove persone?

13. Classifica SERP

Quanto è vicina la tua attività al primo posto nelle ricerche su Google? La tua attività è mai in prima pagina?

SERP è l’acronimo di Search Engine Results Page , che è l’obiettivo finale di qualsiasi strategia SEO.

I primi cinque sono i più controversi, quindi tieni d’occhio la classifica; Dopotutto, è anche il punto in cui vuoi posizionare il tuo marchio.

Per fare ciò, è essenziale seguire le migliori pratiche SEO come la scelta delle parole chiave, lo sviluppo di una strategia di link building, la creazione di URL amichevoli e l’ottenimento di quanti più backlink possibili.

14. Backlink

I backlink sono essenziali per creare autorità per i contenuti e soprattutto per il traffico.

Questi collegamenti possono essere trovati internamente, ad altri post sul tuo blog, ed esternamente, a pagine di altri siti Web che trattano lo stesso argomento.

Queste metriche indicano, in modo semplice, quanti backlink hai . Negli strumenti di analisi puoi anche vedere le tue risorse, il che è essenziale.

Maggiore è il ranking della pagina da cui proviene il link, migliore sarà il ranking del contenuto.

Le metriche di marketing dei contenuti sono sempre sotto la cura dei professionisti del marketing. Il monitoraggio di questi risultati aiuta a valutare la qualità della tua strategia e, se necessario, ad apportare modifiche per migliorare le prestazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button