Social media marketing

Suggerimenti sui social

Suggerimenti sui social

Il badge d’onore viene visualizzato sul mio profilo Twitter: mi sono iscritto a dicembre 2007. All’epoca eravamo ancora a 140 caratteri e gli accorciatori di link non c’erano. Retweet e risposte erano manuali. Esatto: per ritwittare qualcuno, dovevi digitare “RT @[utente], quindi copiare e incollare il suo tweet.

Non i nuovi ragazzi del blocco, Twitter e Facebook sono adolescenti. E Instagram? Sono le 10 quest’anno.

Scegli qualsiasi piattaforma sociale e scoprirai che man mano che cresce, gli utenti più anziani arrivano e gli utenti se ne vanno. Nuove funzionalità vengono rilasciate, mentre altre vengono rimosse. Con l’avanzare di queste piattaforme, può essere difficile sapere in che modo il tuo marchio o il tuo marchio personale possono ottenere il massimo da esse.

Per aiutare, ho esaminato i post del 2019 di CMI sul social media marketing e ho escogitato alcune idee chiave per una lettura completa.

Jodi Harris condivide i suggerimenti di Instagram di Wally Koval, ex membro del team CMI, presentatore di Content Marketing World e proprietario del famoso account Instagram @AccidentallyWesAnderson. Sul suo account Instagram (857.000 follower), Wally condivide foto e commenti che richiamano lo stile visivo dei film di Wes Anderson.

Sebbene alcuni utenti di Instagram utilizzino fino a 30 hashtag consentiti in un post, Wally consiglia di creare una strategia di hashtag intenzionale.

Come scrive Judy, “Wally afferma che seguire troppi segmenti di pubblico contemporaneamente indebolirà l’impatto dei tuoi contenuti e ridurrà i ritorni. Raccomanda di puntare da cinque a 10 hashtag pertinenti, inclusi due o tre distinti per il tuo marchio”.

Altre due tattiche sui social media di Wally hanno attirato la mia attenzione. In primo luogo, i commenti gli hanno mostrato che i fan volevano contribuire con i loro pensieri, spingendo Wally a invitarli a inviare le loro foto per la pubblicazione.

Successivamente, Wally ha scelto di rinunciare all’automazione (ad esempio, gli strumenti di pianificazione di Instagram) in modo da poter rispondere immediatamente ai commenti. Se sei un fan del popolare account Instagram e ricevi una rapida risposta al tuo commento, è probabile che presterai maggiore attenzione e avrai maggiori probabilità di commentare di nuovo.

Contenuti collegati selezionati con cura: 9 app indispensabili per rendere più piccante il tuo Instagram

Standards, Budgets, and Trends 2020 di CMI – Il Nord America rileva che il 72% dei marketer B2B ha utilizzato la pubblicità sui social media negli ultimi 12 mesi. Questa è stata la categoria più citata di tutti i canali di distribuzione di contenuti a pagamento, superando le offerte di sponsorizzazione (66%) e il marketing sui motori di ricerca (61%).

Ann Gynn consiglia un approccio alla pubblicità sociale basato sui dati. Innanzitutto, valuta il traffico che arriva al tuo sito dal traffico organico dei social media. È come avere il tuo focus group. Ad esempio, se un post di un blog riceve molto traffico da Twitter, sarebbe una buona idea pubblicare annunci su Twitter per dare a quel post una spinta in più.

In altre parole, utilizza i dati dei post social organici per informare la tua strategia dei post a pagamento. “Invece di spendere meno per tutto, puoi spendere di più per le parti del contenuto che hanno maggiori probabilità di produrre i risultati desiderati”, ha scritto Ann.

Contenuti correlati selezionati con cura: una guida rapida alla promozione di contenuti a pagamento

All’inizio del post di CMI, Brad Smith ha scritto: “Le pagine di Facebook con oltre 500.000 ‘Mi piace’ hanno in media una copertura organica del 2% o meno per post, secondo una ricerca di [email protected] riportata da HubSpot”.

 

Il post di Brad è stato pubblicato all’inizio dell’anno. Per ora, non sarei sorpreso se la copertura organica media fosse molto più bassa. Qual è un modo per combattere questa tendenza al ribasso? Annunci Facebook. Per raggiungere il tuo pubblico di destinazione su Facebook, devi spendere soldi per gli annunci di Facebook.

Puoi eseguire campagne Facebook per attrarre e convertire, ma la domanda è che stai ottenendo il massimo dal tuo investimento? Puoi se segui il consiglio di Brad: seleziona i posizionamenti degli annunci che corrispondono all’obiettivo della tua campagna.

Ad esempio, per indirizzare il traffico verso un post del blog (ad esempio, una conversione di basso valore nella tua strategia di marketing dei contenuti), un annuncio nel feed di notizie potrebbe non valere il costo. Come scrive Brad, “I posizionamenti del feed di notizie di Facebook hanno spesso un prezzo più alto. Sono in primo piano e al centro, dove le persone non possono perderli. Questo li rende ottimi per le campagne basate sulle conversioni. Tuttavia, non hanno alcun senso promuovere i contenuti per lo stesso motivo: stai pagando in eccesso per ciò di cui hai bisogno.

Contenuti pertinenti e selezionati: come utilizzare gli annunci di Facebook per distribuire i tuoi contenuti

Ho un account Instagram, ma lo uso molto meno di Twitter. Mi classifico come principiante su Instagram.

Nel post su Instagram di Susan Mueller, ho avuto un momento aha quando ho letto: “La buona notizia è che gli account con almeno 10.000 follower possono dare agli spettatori delle loro storie la possibilità di scorrere verso l’alto per ottenere un collegamento”.

C’è un modo per condividere link su Instagram! Devi solo ottenere 10.000 follower. Hmmm. Bene, il post di Susan offre un’ottima strategia su come arrivarci: il VALUE Framework:

  • Valore: contenuto utile o educativo da cui il tuo pubblico può imparare
  • Ambizione: contenuto esemplare e tangibile per aiutare a raggiungere una visione o un obiettivo
  • Ciclo di vita: i contenuti creano consapevolezza, alimentano relazioni o incoraggiano l’azione
  • Unici: contenuti di proprietà e di marca focalizzati sulla tua attività
  • Evergreen: contenuti pertinenti, tempestivi e utili per gli anni a venire

Susan consiglia agli utenti di considerare lotti di nove perché Instagram mostra i nove post più recenti sul tuo profilo. Shen scrive: “Pensa in questo modo: se qualcuno trova uno dei tuoi post su Instagram a causa di una ricerca di hashtag e fa clic per vedere il resto del tuo profilo, sarà un fan?”

Susan ha condiviso un approccio utilizzato da Mike Alton, creando uno schema a scacchiera che scambia le foto in bianco e nero sul suo profilo. Amala.

 

Contenuti collegati selezionati con cura: Instagram Marketing: gli esperti di social media condividono i migliori consigli

Circa un anno fa, Instagram ha testato la rimozione dei “mi piace in avanti” in Australia. Di recente, questo aggiornamento è stato distribuito agli utenti negli Stati Uniti. Anne Jane di CMI è stata perspicace, scrivendo un post precedente su come pensare e rispondere a questo cambiamento.

Anche se potresti ottenere una calda foschia vedendo numeri “Mi piace” alti sul tuo post, fare clic sul pulsante “Mi piace” alla fine non significa molto. È un segno poco chiaro. Qualcuno ha messo “Mi piace” al tuo post per aggiungerlo ai segnalibri? È stato un bot a cui è piaciuto il tuo post? Non sai perché “mi piace”. Tuttavia, puoi ottenere più contesto quando qualcuno risponde. Ottieni la loro opinione e il loro punto di vista. Per convalidare i tuoi contenuti in generale, Ann consiglia queste alternative ai Mi piace:

  • Organizza i post del blog in base ai commenti sui post sui social media.
  • Pubblica testimonianze sulle tue piattaforme di social media.
  • Incoraggia un maggiore coinvolgimento sul tuo blog nella sezione commenti chiedendo ai lettori le loro opinioni.

Abbiamo discusso dei “Mi piace” nell’ambito di una conversazione più ampia sulla partecipazione alla funzione Punti di discussione nella rivista Chief Content Officer lo scorso autunno.

Contenuto collegato accuratamente selezionato: 3 correzioni per errori di misurazione del collegamento

Diversi anni fa, ho eseguito strumenti di test divisi sui siti Web e gestito campagne pubblicitarie di Facebook. Fino a quando non ho letto il post di Dmitry Dragilev, non sapevo che potevi fare i test divisi direttamente in Gestione inserzioni di Facebook:

 

Dimitri ha condiviso il consiglio di Gaetano DiNardi di Nextiva: non testare tutto in una volta. Invece, usa lo split test per trovare il testo vincente. Quindi, usa il test per trovare il design vincente. Mettili insieme per una combinazione vincente.

 

Inoltre, assicurati di ottenere risultati benefici. Dmitriy ha scritto: “Non terminare lo split test prima di avere il tempo di raccogliere i risultati. Allo stesso modo, non testarlo per così tanto tempo da sprecare denaro. Il punto di interruzione varia in base alla campagna; usa il buon senso”.

Contenuti correlati selezionati:

Joe Forte incoraggia i marchi a trasmettere video in diretta sui social media.

Scrive: “I video dal vivo sono spesso più efficaci per annunci, look dietro le quinte e video di informazioni sui prodotti”. Prima di iniziare, Joe ti consiglia di organizzare bene la logistica: tecnologia, illuminazione, suono, ecc. Suggerisce inoltre di promuovere le tue trasmissioni in diretta in anticipo e di trasmettere alla stessa ora ogni settimana.

Promuovi le trasmissioni in diretta in anticipo e trasmetti alla stessa ora ogni settimana, afferma @realjoeforte tramite cmicontent. # Social media

Al Content Marketing World, Brian Fanzo parla dei vantaggi del video live: ti aiuta a essere trasparente e autorevole, facendoti risaltare in mezzo a una folla di contenuti.

Contenuti correlati selezionati:

siamo sociali

Abbastanza per riassumere e abbastanza lettura per te. Cerchiamo di essere sociali. Condividi con noi i migliori takeaway per il social media marketing di quest’anno e come prevedi di implementare questi takeaway l’anno prossimo.

Inoltre, fammi sapere cosa mi sono perso. Quale post sui social media ti ha colpito quest’anno? Fatemi sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button